Andrologia

L’ambulatorio di andrologia è rivolto all’uomo non solo per la diagnosi e la cura di patologie dell’apparato riproduttivo maschile ma anche per la prevenzione delle stesse. Lo specialista inoltre lavora a stretto contatto con il ginecologo per le problematiche relative all’infertilità di coppia ed all’infezione da HPV.

Il Poliambulatorio è attivo, attraverso corsi e consulenze, nell'informare ed istruire la popolazione riguardo le patologie dell'apparato riproduttivo maschile, l'infertilità e le malattie sessualmente trasmesse.

Prestazioni

Visita Andrologica

La visita andrologica, eseguita da un endocrinologo specializzato, è lo step base per escludere, diagnosticare o monitorare disturbi all'apparato genitale maschile. Una volta fatta la diagnosi sarà possibile per il medico stabilire quale sia il miglior percorso terapeutico da effettuare. I principali disturbi che coinvolgono il sistema genitale maschile sono: disfunzione erettile, eiaculazione precoce, varicocele, famosi, infertilità e patologie tumorali.

 

Ecocolordoppler Scrotale e dei Vasi Spermatici

Questa tecnica diagnostica strumentale permette lo studio delle strutture vascolari scrotali. Il medico potrà osservare i flussi sanguigni sotto forma di immagini colorate sfruttando il fenomeno fisico conosciuto come effetto Doppler. Questo esame rappresenta lo strumento principale per la diagnosi del varicocele e di altre patologie.

 

Ecografia Prostatica Transrettale

Questo tipo di ecografia consente di verificare le dimensioni e la morfologia della prostata. Attraverso una sonda ecografica inserita nell'ampolla rettale del paziente il medico visualizza eventuali lesioni o formazioni anomale delle prostata.

 

L'esame viene effettuato per valutare lo stato generale della prostata, effettuare diagnosi precoce di tumore alla prostata, verificare la risposta a trattamenti di vario genere.

 

Ecografia Andrologica

Permette di individuare eventuali anomalie morfologiche non solo dei testicoli e delle altre strutture endoscrotali ma anche del pene. L'abbinamento con il Doppler permette anche lo studio della funzione erettile in quanto permette di valutare l'afflusso ematico nei corpi cavernosi.

 

Penoscopia

La penoscopia, (chiamata anche glandoscopia, balanoscopia, genitoscopia, glandoscopia) è una metodica che permette al medico di osservare ad elevati ingrandimenti strutture dei genitali esterni non ben visibili ad occhio nudo. Questa metodica viene utilizzata per la diagnosi di condilomatosi genitale (dovuta ad infezione da HPV) e permette inoltre di osservare quadri morfologici tipici di alcune malattie veneree e di distinguerli da altre malattie del pene di natura non infettiva.